© 2015 Studio Legale Fiorin, Bologna.  Proudly created with Wix.com

SEGUICI SU:S

  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Social Icon

Famiglia di fatto

Tutela dei figli e del partner più debole anche fuori dal matrimonio

La crisi del matrimonio che dagli anni ottanta in poi ha investito anche il nostro Paese ha fatto sì che la realtà delle famiglie di fatto, prima minoritaria, anche in Italia sia diventata estremamente comune. Secondo le ultime rivelazioni Istat, i figli minorenni nati da genitori non coniugati stanno per diventare un terzo del totale, mentre in altri Paesi del nord Europa e nella stessa Francia sono già diventati la maggioranza. 

Anche quando la coppia dei genitori non è unita in matrimonio, o quando convivono nel medesimo nucleo familiare bambini e ragazzi nati da precedenti unioni, i figli hanno tutti diritto alla medesima tutela. Di questo vi è sempre più consapevolezza nella popolazione, ma talvolta risulta ancora oggi che il partner più debole economicamente non sia al corrente del quadro dei propri diritti, o che di fronte all'evento malaugurato della separazione la coppia genitoriale tenda a sfuggire alla regolamentazione giudiziale dei rapporti futuri con i figli. Anzi, accade di frequente che in questi casi la coppia in via di separazione sia erroneamente convinta di non dovere sottostare, rispetto alla prole, alle stesse norme di principio che riguardano i genitori coniugati.

Ottenere una regolamentazione giudiziale dei rapporti con i figli dopo la rottura della convivenza, in realtà, è necessario anche al di fuori delle situazioni di conflitto con l'ex convivente. Se non altro perché altrimenti si corre il rischio di essere richiamati in futuro - a volte persino dagli stessi figli - a rendere conto di obblighi che non si pensava nemmeno di avere, o comunque che si credeva di avere già assolto a sufficienza.

Questo studio legale, forte della sua esperienza e degli studi compiuti sulle dinamiche delle crisi familiari, offre assistenza a prezzi abbordabili anche a quei componenti di famiglie di fatto in crisi che non vogliono affidare al caso e all'improvvisazione la regolamentazione dei rapporti reciproci, e soprattutto nei confronti dei figli, sia prima che dopo l'eventuale crisi.